WIMBLEDON – DAY 11: C’È SOLO UN RÈ.

Lo avevamo detto, se per caso Roger tira fuori dal cilindro una prestazione buona (non per forza stratosferica) ha buone chances di vincere il match a maggior ragione per il fatto che Djokovic non è più il cannibale dello scorso anno, è proprio così è stato…
Federer non ha sicuramente giocato uno dei suoi match più memorabili, ma è bastato perchè il serbo incappato in una delle sue ormai solite giornate negative non ha saputo portare il match dalla sua parte.
Lo svizzero dopo aver vinto il primo e perso il secondo set ha sprecato tanto nel terzo, io sinceramente stavo per andare a Londra e strozzarlo, ma alla fine con uno smash non certamente facile è riuscito a breakkare Nole e a portare a casa il set fondamentale.
Da lì in poi è stato un monologo elvetico, nel quarto Federer vola subito sul tre e zero e dopo qualche sofferenza nel finale con la solita fortuna serba che non voleva far chiudere il match a Roger il Re vince e approda in finale.

Sarà l’ottava finale per Roger a Wimbledon mai nessuno come luì, se dovesse vincere domenica oltre a raggiungere il numero di Wimbledon vinti da Sampras (7) ridiventerebbe il numero 1 del mondo e si presenterebbe da favorito al torneo olimpico.
Sempre più emozionante lo svizzero che continua a scrivere la storia di questo sport!

Nell altra semifinale era impegnato l’idolo di casa, Andy Murray contro “Cassius” Jo Tsonga, a parte il terzo set lo scozzese mi ha davvero impressionato e in effetti ha chiuso il match in quattro set, ma non faticando tantissimo, dunque dopo 74 anni torna in finale un britannico ai Championships e l’ atto conclusivo sarà proprio quella che speravano gli inglesi, il Rè contro l’idolo di casa, chi la spunterà?

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 9: CHE DJOKOVIC-FEDERER SIA!

È la semifinale che tutti aspettavamo, ed eccoci accontentati, Djokovic e Federer ieri nei loro quarti hanno rispettivamente annullato Mayer e Youzhny.

Per lo Svizzero, eravamo tutti spaventati dal suo presunto infortunio alla schiena, ma ieri sembrava un Roger nuovo e perfetto; il servizio andava a meraviglia, il dritto e il rovescio sembrano tornati a essere profondi e a far male come hanno sempre fatto, ma soprattutto è tornato a muoversi come un ragazzino ieri ha fatto due o tre recuperi paurosi su punti già fatti da parte del russo. Alla fine la partita si è conclusa in un ora e venti minuti con il punteggio di 6-1 6-2 6-2 un semplice allenamento per l’elvetico.

Il serbo invece ha faticato un pochino di più, per lo più nel primo set quando Mayer era addirittura avanti di un break. Ma anche per lui nessun problema e semifinale raggiunta.

Sarà l’ennesimo capitolo tra i due, ma curiosamente il primo in assoluto sull’erba, chi la spunterà?

Negli altri due quarti, Murray tiene ancora in vita le speranze degli inglesi battendo in 4 set l’inesauribile David Ferrer, bordate assurde fra i due, sembrava una partita da terra rossa non sicuramente da erba, ma cosa ci possiamo fare?
Lo scozzese affronterà in semi Tsonga che ha spento le speranze tedesche capitanate da Kolschreiber.

E allora che semifinali siano!!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 8: UNREAL WIMBLEDON

Eh si è proprio così, questo Wimbledon edizione 2012 sembra sempre più irreale, ieri è successa un altra cosa un po’ strana, David Ferrer (non proprio uno specialista dell’erba) ha distrutto e umiliato Juan Martin Del Potro in tre set veloci. E’ vero che Palito non è più quello di qualche anno fa, diciamo anche che sarà molto difficile rivederlo tra i primi 4, ma comunque io mi aspettavo che riuscisse a battere Ferrer e che arrivasse in fondo a questi Championships, e invece così non è stato perchè lo spagnolo sempre preparatissimo su tutte le superfici (credo che giocherebbe bene anche sul ghiaccio o che ne so sul legno!) ha fatto pesantemente sentire la sua presenza nel torneo, adesso lo aspetta Andy Murray che ieri ha finito di piallare il povero Cilic, l’iberico potrà giocare un nuovo scherzetto?

Negli altri ottavi, Tsonga ha battuto in quattro set il rientrante Mardy Fish, Mayer ha distrutto Gasquet mentre Kolschreiber ha vinto il suo ottavo contro la sorpresa Baker.

Nei quarti femmili, Serenona ha spazzato via la campionessa uscente Kvitova, Azarenka ha vinto soffrendo contro Paszek, Radwanska ha finito in tarda serata sul centrale il suo quarto battendo la bella Maria Kirilenko mentre nel derby tedesco la Kerber ha vinto una partita molto tirata contro Sabine Lisicki.

Altre sorprese in arrivo in questo “Unreal Wimbledon”?

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 7: LA VIA CRUCIS DI ROGER.

Niente da fare, per i tifosi di Federer in questi championships c’è solo da soffrire, il secondo quadro della sua Via Crucis ieri prevedeva un infortunio alla schiena, incredibilmente e non so dopo quanto tempo lo svizzero è stato costretto a chiamare il fisioterapista in campo durante il suo match di ottavi contro Xavier Malisse, io mentre guardavo la partita già dai primi punti avevo capito che c’era qualcosa non andava, si vedeva chiaramente che non si muoveva bene come al solito. Comunque riesce non so come a portare a casa il primo set dopo aver recuperato un break al belga e aver giocato un incredibile tie-break. Il secondo set va via in scioltezza e Roger se lo aggiudica con un netto 6-1, durante il terzo i problemi dell’elvetico si fanno sempre più visibili e la sensazione è quella che il ritiro potrebbe essere vicino..
Malisse si aggiudica il terzo per 6-4 e va avanti di un break anche nel quarto, da li il belga sparisce e Roger senza problemi vince il set e avanza ai quarti.
In conferenza spiega che ha sentito tanto dolore alla schiena durante il primo set e che il massaggio l’ha aiutato, si scusa con Xavier per l’interruzione e si dimostra come sempre un gran signore oltre al gran campione che è, prossimo step sono i quarti contro il russo Mikhail Youzhny, vediamo come ci arriverà…

Nessun problema per Nole che stritola il connazionale Troicki, rinviati gli altri match tra cui quello di Murray avanti un set e un break contro Marin Cilic.

Tutte e tre fuori le nostre portacolori, peccato per la Schiavone che vince il primo set contro la Kvitova, ma non riesce mai a chiudere il match, la ceca non perdona e il match lo chiude lei facilmente al terzo set. Fuori abbastanza nettamente Vinci e Giorgi rispettivamente battute da Paszek e Radwanska.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 6: IL SOGNO DI MUZZA CONTINUA.

Roba da circo ieri sera a Wimbledon, l’incontro di terzo turno tra Murray e Baghdatis è stato protagonista di episodi veramente singolari. Allo scozzese continuavano a cadere le palline dalla tasca durante gli scambi cosa che a me guardando la partita in televisione ha dato molto fastidio, ma soprattutto i due sono stati mandati in campo con l’obbligo di finire entro le 11 per non creare disordine pubblico, cioè ma ci stiamo prendendo per i fondelli?

Comunque Muzza alla fine è riuscito a portare a casa il match in 4 set faticando non poco, la sensazione è che se il cipriota fosse stato un po più solido e freddo la partita poteva finire in modo diverso. Dunque Murray esce bene da una prima settimana non sicuramente delle più facili, mah chissà magari l’eliminazione di Nadal lo può aver liberato di un peso.

Gli altri match di giornata hanno visto le vittorie Ferrer su Roddick e di Del potro su Nishikori,adesso i due si incontreranno per dare vita forse al piú combattuto dei match degli ottavi.

Due su tre delle nostre portacolori hanno vinte le loro partite di terzo turno tranne Sara Errani autore di un vero e proprio disastro e capace di accaparrarsi un 6-0 senza nessun punto nel primo set, la sensazione è che la romagnola a cominciato parlare un po troppo dopo la finale del RG e la mazzata è arrivata senza farsi aspettare, Schiavone ha invece battuto Zakopalova mentre Vinci ha sconfitto la Lucic.

Pubblicato in Grand Slam | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 5: IL SOLITO ROGER.

Che serata ieri sera Mio Dio! Io da tifoso di Roger ho sofferto immensamente, due set giocati veramente male dal Re, non capivo cosa gli stesse succedendo, mi sembrava un incubo non era possibile che andasse fuori al 3 turno. Il suo avversario è Julien Benneteau francese di Bourg-en-Bresse, il transalpino tira tutto quello che gli capita appresso, sembra indemoniato e Federer fa veramente fatica sembra sopraffatto. Persi i primi due set lo Svizzero non si innervosisce e questa è una capacità che ha appreso veramente da poco tempo, quest’ultima gli permette alla fine di vincere il match e qualificarsi agli ottavi di finale dove incontrerà Xavier Malisse.

Ma che problemi ha avuto ieri sera Roger? Io sinceramente non l’ho ancora capito, potrebbe essere stato il tetto che inumidisce le condizioni del campo? suoi problemi fisici? o semplicemente è la sua testa che fa fatica in queste partite? Io spero tanto che alla fine lui riesca a vincere questo benedetto Wimbledon, ma la cosa che non mi convince assolutamente è la sua mancanza di continuità, è capace di fare due o tre partite in cui non fa vedere la palla all’avversario e una in cui viene preso a pallate senza mai reagire, ieri sera per fortuna la reazione c’è stata e si è subito avvertita dall’inizio del 3 set, ma questa partita quanto influirà sul suo torneo? Gli darà una scossa per andare a vincere o finirà di nuovo per perdere in un altra brutta semifinale contro Djokovic come a Parigi? Staremo a vedere…

Negli altri Match di giornata anche Djokovic è riuscito a perdere un set contro Radek Stepanek per poi vincere facilmente gli altri tre e aggiudicarsi la partita. La grandissima sorpresa in campo femminile è la nostra Camila Giorgi che dopo i successi contro Pennetta e Tatishvili è riuscita a battere anche Nadia Petrova testa di serie numero 20, Camila sa giocare veramente bene a Tennis, addirittura la paragonano ad Agassi per come si muove e colpisce la palla, nel prossimo turno incontrerà Agnieszka Radwanksa, match veramente duro, ma chissà che la nostra portacolori possa fare un altra sorpresa in questo Wimbledon irreale?

Pubblicato in Grand Slam | Lascia un commento

WIMBLEDON – DAY 4: TORNA A CASA RAFA!

Ebbene si, dopo tanti anni (almeno dieci), abbiamo una sorpresa vera e propria in un torneo dello SLAM, Lukas Rosol 27enne di Brno butta fuori al 2 turno del torneo più prestigioso del mondo la testa di serie numero 2 Rafa Nadal e per giunta al 5 set.
Sembrava un normale pomeriggio all’ All England Lawn Tennis and Croquet Club, Andy Murray aveva appena battuto in un match non certamente facile il gigante croato Ivo Karlovic in 4 set, lo Scozzese ha colpito molto in positivo sfoderando passanti e pallonetti capaci di disorientare il buon Ivo. La giornata non è delle più memorabili ci vorrebbe qualcosa, una scossa o semplicemente una SORPRESA e allora ecco entrare in campo Rafa e Lukas per l’ultimo match sul centrale. Il ceco perde subito il servizio per poi recuperarlo nel game  successivo, il primo set scorre tranquillo fino al tie-break dove si arriva fino al 9 pari poi due errori del numero 100 del mondo regalano il set al maiorchino, sembra tutto finito adesso il ceco non reggerà più e si prenderà un veloce 6-1 6-2 e invece non è proprio così Lukas strappa subito il servizio a Rafa e lo manterrà fino alla fine proprio come nel terzo set. Lo spagnolo adesso è sotto due set a uno e sembra confuso e frastornato, il centrale è una bolgia e gli spettatori sono sorpresi di fronte al servizio e ai colpi sempre piú potenti di Rosol. La reazione di Rafa arriva pronta e “brekka” di forza per due volte il suo avversario aggiudicandosi facilmente il 4 set. Sembra nuovamente tutto finito adesso Rafa sull’onda dell’entusiasmo non può più fallire, ma non avevamo calcolato una cosa, a Londra comincia a calare la sera e il campo non munito di luci richiede la copertura del tetto, stop per almeno una quarantina di minuti. Si ricomincia, ed è di nuovo il ceco a entrare meglio in campo, il break per lui arriva immediatamente con un passante al corpo impossibile da controbattere per Nadal, Lukas al servizio non perde più un punto e sul 5-4 si appresta a servire per il match e con 3 aces e un dritto vincente chiude il match, si butta a terra in preda alla gioia, i due si stringono la mano, Rafa ha una faccia che poche altre volte avevo visto, è fuori al secondo turno.

In conferenza spiega che è solo una sconfitta, ma Rafa ne sei proprio sicuro? Il maiorchino perde all’ incirca 1200 punti nel ranking, scala alla 3 posizione a favore di Roger e si presenterà nel peggiore dei modi al torneo olimpico.

Mi è balzata subito in mente una cosa, si è notata subito dal 5 set la difficoltà di Rafa nel giocare indoor, ma questo benedetto ragazzo come fa ad essere in quelle posizioni non sapendo giocare su superfici veramente veloci o sotto un tetto? io questa cosa continuo a chiedermela….

Pubblicato in Grand Slam | 1 commento